La variante al diagramma di Gabbard

Indice articoli

Lasciamo perdere, tanto è completamente persa.
Non pensiate sia sempre stato così. Una volta l’amavo.
Ricordo ancora la prima volta che l’ho vista. Lei abitava a Borgo San Giovanni, con le finestre che buttavano sulla laguna, io in una calle con la camera che si affacciava sulle cucine di un ristorante.
Mi svegliavo con il profumo del caffè e andavo a dormire con quello delle sarde fritte. Quella sera però lei era una bellezza con quel vestito bianco che faceva risaltare l’abbronzatura.
Io avevo venticinque anni lei sedici, ma come si dice: l’amore non ha età.
In discoteca l’ho invitata a ballare, poi per fare colpo mi sono scolato tre birre, due bacardi e quattro spritz. Abbiamo camminato sulla diga e ho vomitato anche l’anima.
Pensare che diventava rossa solo a guardarla; a ripensarci però non era molto ingenua quando ci siamo stesi sotto le stelle. Sapeva dove mettere le mani.
Ci siamo sposati dopo dieci mesi perché ci amavamo.
Quanto era bella il giorno del matrimonio: in abito bianco, con la grande ciocca di raso e il mazzo di rose in mano sembrava la Rossella di “Via col vento”. Attento che ti vuole accalappiare, diceva mia madre. Cerca solo di sistemarsi, diceva mio padre, ma a me non importava un fico. Lei era la mia fonte di energia. Quando il prete disse: “Amatevi gli uni con gli altri finché morte non vi separi” non credevo fosse letterale. La morte per me era così lontana e impossibile che non credevo potesse capitare a noi. Eravamo giovani e immortali.
Il primo anno di matrimonio fu irripetibile, se escludiamo: un piede slogato, un braccio rotto, due bruciature e una lavanda gastrica.
Poi, si sa come vanno le cose.
Io sempre fuori, lei a casa che si svaccava lentamente. Lo ammetto, un po’ l’ho trascurata, ma dovevo pur lavorare per mantenere le sue voglie. D’inverno fragole, d’estate asparagi, in primavera castagne. Senza considerare la mania per gli elettrodomestici: lavastoviglie, lavatrice, forno elettrico a microonde ventilato. E ancora: televisione, radio stereo, tritatutto, tritaghiaccio, tritacarne, frulli vari.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

A.L.A
Associazione Liberi Autori
C.F. 90163650279